Il governo al bivio del potere d’oro